Skip links

Le nostre Storie

Lupo Mannaro

Secondo la leggenda pugliese, la discendenza di Licaone si stabilì in Puglia, portando con sé la maledizione della licantropia. Si narra che questi individui, durante le notti di plenilunio, assumevano le sembianze di lupi feroci, terrorizzando la popolazione.

Orlando e la Masciara

La leggenda di Orlando e la Masciara di Gravina è un racconto di coraggio, magia e vendetta, che si intreccia con la natura selvaggia della Murgia pugliese. Lo Sperone, o Rocca di Orlando, rimane a testimonianza di questa epica battaglia, un monito contro le forze del male e un inno alla vittoria del bene.

Giuann e Marietta

Giuann e la Quarantana, con la loro presenza silenziosa e carica di significato, ci ricordano l'importanza di preservare le nostre radici e di trasmettere alle future generazioni la ricchezza del nostro patrimonio culturale. Un invito a celebrare la vita, la gioia e l'unione in un vortice di colori e allegria che solo il Carnevale di Gravina sa regalare.

Leggenda del Munacidd

Nelle case antiche del Sud Italia, si narra la leggenda del Munacidde, un folletto minuscolo, allegro e vivace che porta con sé una scia di scherzi e dispetti. Alto non più di un bambino, corre veloce da una stanza all'altra, facendosi beffe degli abitanti con la sua inesauribile energia. La sua testa è sormontata da un grande cappuccio rosso, che lo rende ancora più buffo e bizzarro.

l’intreccio delle spighe

Tra tutti i rituali e le tradizioni, si sviluppa anche l'arte dell'intreccio delle spighe, che consiste nel creare manufatti decorativi utilizzando esclusivamente le spighe di grano e la maestria artigianale, come segno di gratitudine verso le divinità per il buon raccolto. Questi manufatti, realizzati per benedire le divinità, venivano portati in processione o appesi alle porte delle abitazioni contadine.

This website uses cookies to improve your web experience.
Explore
Drag